Trattamento antitarlo

Servizi professionali per la disinfestazione, derattizzazione e disinfezione

Trattamento antitarlo

I segni più comuni di un’infestazione da parte dei tarli del legno è il rinvenimento di polvere di legno in terra e buchi sull’oggetto ligneo che è stato attaccato dall’infestante.

I tarli del legno, o xilofagi, sono degli insetti che si nutrono della cellulosa del legno, eliminare l’infestazione da tarli non è facile, in quanto: i prodotti chimici non sono risolutivi, quelli liquidi non vanno bene perchè il legno tende ad assorbire e i prodotti fumiganti non hanno la necessaria capacità di penetrazione.

Tecniche di intervento

Ecotrade effettua trattamenti antitarlo per privati, strutture pubbliche, beni culturali e aziende; vengono utilizzati principalmente due metodi efficaci, ecologici e non invasivi, ognuno dei quali: garantisce la risoluzione del problema, consente intervento a domicilio e assenza di inquinamento e di danni.

KILL BOX

Si tratta di un sistema di disinfestazione detto ad “atmosfera modificata”, è particolarmente utile per tutti gli oggetti e materiali infestati che possono essere smontati e/o spostati, come ad esempio i mobili. Gli oggetti infestati che devono essere trattati vengono inseriti all’interno di una bolla in PVC, a cui prima viene sottratta l’aria ed in seguito immessa anidride carbonica, in questo modo si crea un ambiente totalmente privo di ossigeno che impedisce la respirazione degli insetti. Questo trattamento viene effettuato ad una temperatura controllata di circa30°C per una durata di 20 giorni circa, al fine che anche le larve appena nate muoiano.

MICRONWOOD

Si tratta di un sistema di disinfestazione a microonde utile per gli oggetti inamovibili (travi, soffitti, parquet e librerie). L’oggetto viene investito da un fascio di microonde con frequenza di 2.450 Mhz ed una potenza fino a 2.000 Watt. Questo processo si basa sul riscaldamento del materiale in funzione delle sue caratteristiche dielettriche (attitudine ad assorbire l’energia trasportata da un’onda elettromagnetica), e produce un innalzamento della temperatura fino a 65° C, letale per gli infestanti, costituiti in massima parte di acqua, ma non dannoso per il materiale trattato. Il risultato è l’eliminazione degli infestanti in tutti gli stadi di crescita.